**

News

Torna indietro

La (pacifica) rivoluzione animale a Genova Testo Riconoscimento del diritto di ogni animale ad una esistenza compatibile con le proprie caratteristiche biologiche;
Piano faunistico urbano (con indagini sul campo, monitoraggi di fauna bioindicatrice, interventi urbanistici di miglioramento delle situazioni esistenti relative al territorio urbano, realizzazione di oasi e spazi per animali, interventi culturali e di informazione)
Divieto di tenere permanentemente animali in terrazze e balconi senza possibilità di accesso all'interno dell'abitazione e di integrazione con il nucleo famigliare
Divieto di separare cuccioli di cane e gatto dalla madre prima di 60 giorni
Divieto di dare animali vivi come premio in giochi, lotterie, intrattenimenti, fiere, mercati, sagre, feste, mostre ecc
Divieto di distruggere i nidi (durante il periodo della riproduzione e del successivo svezzamento)
Divieto di tenere animali a chiunque abbia subito sanzioni penali per abbandono o maltrattamento
Divieto di uso di collari elettrici e di collari a strozzo con punte interne
Obbligo di controllare l'attività riproduttiva volta all'eliminazione delle nascite indesiderate – Obbligo di impedire la proliferazione di animali di proprietà, se non di fronte alla certezza di collocare la cucciolata
Prevenzione delle malattie genetiche e delle malformazioni = Obbligo, in caso di accoppiamento, di fare esami e accertamenti sanitari necessari a evitare la trasmissione di malattie alla prole, al fine di prevenire la diffusione di malattie e malformazioni nei gatti, cani e equidi
Rigorose norme per la gestione di cavalli
Obbligo di portare al seguito originale o fotocopia del documento comprovante l'iscrizione del cane all'anagrafe canina
Obbligo di sterilizzare i gatti di proprietà lasciati liberi di vagare sul territorio
Possibilità –concessa dal Civico canile- di detenzione temporanea da parte di un privato cittadino che trova un cane vagante (per un periodo di 60 giorni)
Possibilità di sequestro e confisca di animali anche nel caso di accertamenti di particolari violazioni amministrative da parte dell'agente accertatore (quindi non solo in caso di illecito penale)
Divieto di ostacolare l'attività di gestione di colonia felina, di asportare o danneggiare gli oggetti utilizzati per la cura degli animali compresi i piccoli arredi (cuccette per il ricovero ecc), fatto salvo il caso di situazioni di immediato pericolo per la sicurezza pubblica o di gravi inconvenienti igienici
Obbligo di collocazione temporanea delle colonie feline, nel caso di apertura di cantieri, in zona adiacente (di concerto con l'Ufficio Diritti Animali e con le gattare). Reimmissione sul territorio d'origine al termine dei lavori, o in siti immediatamente adiacenti a quello originario
Creazione di Oasi feline
Censimento delle colonie feline
Promozione di forme di riconoscimento degli assistenti zoofili (tesserino e corsi per perfetti gattari) e campagne di sensibilizzazione per la tutela dei gatti liberi
Promozione di supporto a cittadini di fascia debole detentori di animale o che adottino un animale abbandonato (avvalendosi di collaborazioni con personale appositamente formato nella gestione di animali d'affezione)
Forme di collaborazione con medici veterinari per offrire opportuni interventi terapeutici e/o di assitenza veterinaria e sanitaria agli animali d'affezione detenuti e/o curati da persone appartenenti a fasce sociali disagiate
Numero verde (gratuito) per informazioni in materia di animali
Precise regole per la vendita di animali (es. dimensioni delle gabbie, tracciabilità degli animali)
Divieto di vendita di animali ai minori di anni 18 (l'acquisto di un animale deve essere un fatto di maturità, non un gioco)
Divieto di vendita e esposizione di cani e gatti di età inferiore ai 2 mesi
Consentita vendita di tartarughe acquatiche solo con contestuale comunicazione di possesso per l'acquirente all'Ufficio Tutela Animali ed unitamente ad un foglio informativo indicante le problematiche indotte dalla specie nonché le responsabilità connesse al suo mantenimento, ivi compreso il divieto di abbandono e le relative sanzioni
Divieto di lasciare crostacei vivi sul ghiaccio
Divieto di abbattimento e potatura di alberi con presenza di nidi nel periodo da inizio marzo a tutto luglio
Tutela di quelle specie di animali esotici il cui possesso è permesso da leggi nazionali e regionali
Tutela della fauna cosiddetta “minore”, piccoli mammiferi, anfibi e rettili. Es. Divieto di distruggere i formicai nei parchi, nei giardini e nelle aree verdi di proprietà comunale
(Sanzioni da 50 a 500 euro a seconda della gravità dell'infrazione)



Leggi tutte le news