**

Prontofido informa

Torna indietro
Firma e fai firmare “Stop Vivisection"
“Stop vivisection” è promossa dal Comitato scientifico EQUIVITA e dalla LEAL. Essa punta, al completo superamento della vivisezione in quanto pratica scientificamente errata e moralmente condannabile.
Dobbiamo raggiungere 1 milione di firme in tutta Europa!
Stop Vivisection è nata dalla forte reazione di sdegno e di rabbia dei cittadini europei alla recente direttiva sulla sperimentazione animale, la 2010/63, che ha disatteso, per tutti noi, ogni speranza di progresso sia sul piano scientifico sia sul piano etico.
Essa ha ignorato due importanti voci contrarie:
- Quella dei cittadini europei il cui 86% (secondo un recente sondaggio europeo) pretende il rispetto degli animali quali esseri senzienti.
- Quella sempre più stringente del mondo della scienza che afferma che il “modello animale”, non predittivo per l'uomo, è privo di valore scientifico.
Per tale ragione la pratica della sperimentazione animale (o vivisezione) rappresenta:
-un pericolo per la salute umana e per l'ambiente
-un freno all'uso e allo sviluppo dei nuovi metodi di ricerca biomedica fondati sulle straordinarie recenti acquisizioni scientifiche del nostro tempo, che danno risposte ben più affidabili, esaurienti, veloci ed economiche.
-Il perpetrarsi di una violenza inaccettabile fatta sugli animali.
STOP VIVISECTION chiede alla Commissione europea l'abrogazione della direttiva 2010/63/UE con la presentazione di una nuova proposta di direttiva che sia finalizzata al superamento della sperimentazione animale e che renda obbligatorio l'uso di metodi di ricerca specifici per la nostra specie."
Chi vuole essere promotore di una raccolta-firme può contattare il Comitato Promotore dell'Iniziativa dei Cittadini Europei sul sito www.stopvivisection.eu





Consigli per un viaggio in aereo
«Se le dimensioni dell'animale lo consentono è sempre preferibile il viaggio in cabina. L'esperienza della stiva, per quanto si tratti di un ambiente pressurizzato, può essere traumatica per gli animali, spaventati dal rumore e dall'ambiente che non conoscono. Tuttavia anche per il viaggio in cabina bisogna usare cautela: le razze di cani brachicefali, come il carlino, i molossoidi, il bulldog inglese o il boulldogue francese o anche lo shitzu fanno per loro natura più fatica a respirare. Se le condizioni non sono ottimali, sono loro quelli di rischiano di più».
***
Ecco, di seguito, cosa prevedono per il trasporto di animali in cabina alcune delle principali compagnie operanti in Italia.
ALITALIA - In cabina è possibile portare cani o gatti o volatili (con alcune eccezioni relativamente ai Paesi di provenienza) in un trasportino di dimensioni non superiori a 40x20x24 centimetri), impermeabile e areato. Il peso complessivo del cane e del contenitore è di 10 kg. Il supplemento di costo è di 20 euro per le tratte nazionali, 75 per quelle europee, 120 per le altre destinazioni internazionali. (Altre informazioni)
MERIDIANA - E' possibile portare in cabina un solo animale per passeggero con un massimo di due per ogni volo. Il trasportino deve essere esclusivamente di tipo rigido e le dimensioni non devono eccedere i 48x33x29 centimetri. Anche in questo caso il peso complessivo è di 10 kg (salvo alcune tratte operate con aerei più piccoli Atr, per cui la soglia scende a 5 kg) e il costo è di 30 euro per le tratte interne ed europee e di 50 per gli intercintinentali (Altre informazioni).
WIND JET - In cabina possono viaggiare cani, gatti e furetti, mentre per altre specie di animali è necessario chiedere prima un'autorizzazione. Possono stare in cabina un massimo di due animali per volo. Il costo è di 30 euro per i voli nazionali e di 40 per quelli internazionali. Il peso massimo di animale e trasportino non deve eccedere i 10 kg e le misure del trasportino devono rientrare nella combinazione 48x29x33. (Altre informazioni)
AIR FRANCE - Il peso massimo consentito è di 6 kg e la compagnia si riserva di accettare a bordo esclusivamente cani o gatti. Non possono viaggiare neppure in stiva cani di razze tipo pitbull, rottweiler o assimilabili. Il costo del supplemento è di 20 euro per i voli interni alla Francia e di 75 per quelli europei, Nord Africa, Israele e territori francesi d'oltremare. Si sale a 200 per le altre destinazioni. (Altre informazioni).
LUFTHANSA - I piccoli animali possono viaggiare in cabina se non pesano più di 8 kg, compreso il trasportino di dimensioni pari a 55x40x20 centimetri. Il costo è di 35 euro per i voli interni alla Germania, di 50 per quelli con destinazioni europee e di 75 per i voli intercontinentali (Altre informazioni).
RYANAYR E EASYJET - Le due principali compagnie low cost non prevedono la possibilità di trasportare animali, fatta eccezione per i cani guida per ciechi e disabili (Ryanair con alcune limitazioni in base alle destinazioni).



La (pacifica) rivoluzione animale a Genova
Testo Riconoscimento del diritto di ogni animale ad una esistenza compatibile con le proprie caratteristiche biologiche;
Piano faunistico urbano (con indagini sul campo, monitoraggi di fauna bioindicatrice, interventi urbanistici di miglioramento delle situazioni esistenti relative al territorio urbano, realizzazione di oasi e spazi per animali, interventi culturali e di informazione)
Divieto di tenere permanentemente animali in terrazze e balconi senza possibilità di accesso all'interno dell'abitazione e di integrazione con il nucleo famigliare
Divieto di separare cuccioli di cane e gatto dalla madre prima di 60 giorni
Divieto di dare animali vivi come premio in giochi, lotterie, intrattenimenti, fiere, mercati, sagre, feste, mostre ecc
Divieto di distruggere i nidi (durante il periodo della riproduzione e del successivo svezzamento)
Divieto di tenere animali a chiunque abbia subito sanzioni penali per abbandono o maltrattamento
Divieto di uso di collari elettrici e di collari a strozzo con punte interne
Obbligo di controllare l'attività riproduttiva volta all'eliminazione delle nascite indesiderate – Obbligo di impedire la proliferazione di animali di proprietà, se non di fronte alla certezza di collocare la cucciolata
Prevenzione delle malattie genetiche e delle malformazioni = Obbligo, in caso di accoppiamento, di fare esami e accertamenti sanitari necessari a evitare la trasmissione di malattie alla prole, al fine di prevenire la diffusione di malattie e malformazioni nei gatti, cani e equidi
Rigorose norme per la gestione di cavalli
Obbligo di portare al seguito originale o fotocopia del documento comprovante l'iscrizione del cane all'anagrafe canina
Obbligo di sterilizzare i gatti di proprietà lasciati liberi di vagare sul territorio
Possibilità –concessa dal Civico canile- di detenzione temporanea da parte di un privato cittadino che trova un cane vagante (per un periodo di 60 giorni)
Possibilità di sequestro e confisca di animali anche nel caso di accertamenti di particolari violazioni amministrative da parte dell'agente accertatore (quindi non solo in caso di illecito penale)
Divieto di ostacolare l'attività di gestione di colonia felina, di asportare o danneggiare gli oggetti utilizzati per la cura degli animali compresi i piccoli arredi (cuccette per il ricovero ecc), fatto salvo il caso di situazioni di immediato pericolo per la sicurezza pubblica o di gravi inconvenienti igienici
Obbligo di collocazione temporanea delle colonie feline, nel caso di apertura di cantieri, in zona adiacente (di concerto con l'Ufficio Diritti Animali e con le gattare). Reimmissione sul territorio d'origine al termine dei lavori, o in siti immediatamente adiacenti a quello originario
Creazione di Oasi feline
Censimento delle colonie feline
Promozione di forme di riconoscimento degli assistenti zoofili (tesserino e corsi per perfetti gattari) e campagne di sensibilizzazione per la tutela dei gatti liberi
Promozione di supporto a cittadini di fascia debole detentori di animale o che adottino un animale abbandonato (avvalendosi di collaborazioni con personale appositamente formato nella gestione di animali d'affezione)
Forme di collaborazione con medici veterinari per offrire opportuni interventi terapeutici e/o di assitenza veterinaria e sanitaria agli animali d'affezione detenuti e/o curati da persone appartenenti a fasce sociali disagiate
Numero verde (gratuito) per informazioni in materia di animali
Precise regole per la vendita di animali (es. dimensioni delle gabbie, tracciabilità degli animali)
Divieto di vendita di animali ai minori di anni 18 (l'acquisto di un animale deve essere un fatto di maturità, non un gioco)
Divieto di vendita e esposizione di cani e gatti di età inferiore ai 2 mesi
Consentita vendita di tartarughe acquatiche solo con contestuale comunicazione di possesso per l'acquirente all'Ufficio Tutela Animali ed unitamente ad un foglio informativo indicante le problematiche indotte dalla specie nonché le responsabilità connesse al suo mantenimento, ivi compreso il divieto di abbandono e le relative sanzioni
Divieto di lasciare crostacei vivi sul ghiaccio
Divieto di abbattimento e potatura di alberi con presenza di nidi nel periodo da inizio marzo a tutto luglio
Tutela di quelle specie di animali esotici il cui possesso è permesso da leggi nazionali e regionali
Tutela della fauna cosiddetta “minore”, piccoli mammiferi, anfibi e rettili. Es. Divieto di distruggere i formicai nei parchi, nei giardini e nelle aree verdi di proprietà comunale
(Sanzioni da 50 a 500 euro a seconda della gravità dell'infrazione)


Colpo di calore
Il colpo di calore è una patologia molto pericolosa che si può verificare quando il caldo è umido e afoso, i più esposti sono i cani anziani ed i cuccioli, ma può succedere anche ad adulti che vengono esposti al sole o a sforzi prolungati.
I segnali sono: respirazione irregolare e affannosa, eccesso di salivazione e difficoltà nei movimenti.
Se notiamo questi sintomi dobbiamo avvolgere il nostro amico in un asciugamano imbevuto d'acqua fresca per abbassare la temperatura. Se poi ci riusciamo facciamogli bere un po' d'acqua.
Dopo questo primo soccorso, se ci è possibile portiamolo dal veterinario più vicino, avvisandolo che è in arrivo un emergenza perché non sarebbe prudente attendere in sala d'aspetto.
Ricordiamo che il colpo di calore non va sottovalutato.
Cani e bambini: ecco le regole
Il ministero della Salute ha elaborato alcuni semplici consigli >segue> rivolti ai bambini per imparare a comunicare con il cane e per diventare amici. Ecco le regole dettate proprio dal cane:
"Rispettami, parlami in modo calmo, lasciati annusare, accarezzami dolcemente. Non tirarmi la coda o le orecchie
Non disturbarmi mentre sto mangiando, quando sono legato o quando sono con i miei cuccioli. Ricorda che quando sono nella macchina del mio proprietario, non voglio che nessuno si avvicini!
Evita di guardarmi dritto negli occhi se non mi conosci perché potrei sentirmi minacciato e reagire in modo scortese
Se mi sto azzuffando con altri cani non provare a separarci, ce la sbrighiamo da soli!!!
Chiedi il permesso al mio proprietario prima di accarezzarmi
Se voglio un oggetto che hai in mano (gioco, biscotti, etc.), lascialo. Resta immobile ed attendi che mi allontani
Prima di accarezzarmi, chiamami con il mio nome; se non mi avvicino lasciami in pace, ho altro per la testa
Quando ringhio o mostro i denti nel momento in cui mi accarezzi, sarà meglio per te che avverti un adulto. Ma soprattutto non disturbarmi e allontanati con calma senza correre
Quando corro verso di te fermati anche se sei spaventato, porta le braccia lungo il corpo e guarda per aria rimanendo in silenzio, altrimenti mi verrà voglia di rincorrerti"
Come soccorrere un animale abbandonato
1 Cercate sempre un approccio all'animale con tono gentile, se il cane non è troppo spaventato munirsi di piccoli premietti (biscottini x cani, o pezzettini di wurstel al pollo etc.) e buttarli per terra in modo da far avvicinare l'animale. Cercate di conquistarvi la sua fiducia e se ha un collare prenderlo a guinzaglio sempre in modo gentile ed invitarlo a seguirvi (utilizzate se potete dei premetti per invogliarlo). Cercate di non tirarlo per il collare usate sempre un guinzaglio lungo e tenetelo morbido. Non costringete un cane a fare una cosa che non vuol fare cercate di convincerlo con la voce gentile, con il cibo, con un gioco …. Se non doveste riuscirci subito abbiate un po' di pazienza ma insistete senza precipitarvi a dosso.
2 Non approcciate il cane in modo frontale ma tendenzialmente andate verso di lui facendo una semicurva. Poi accucciatevi per attirarlo verso di voi (la postura di accucciamento è una postura di amicizia) ma cercate di non guardare mai fisso il cane negli occhi. Tenete la testa leggermente girata e non frontale al cane (questo è un segnale che il cane capisce in segno di pacificazione). Se non dovesse avere un collare cercate di mettergliene uno fisso e sempre tramite guinzaglio invogliatelo a seguirvi (con i premetti possibilmente)
3 Cercare sempre di fare movimenti lenti e non frettolosi, non alzare mai le braccia e le mani per prenderlo ma cercare di partire dal basso e soprattutto non andate sulla testa del cane.
4 Se il cane ha un principio di colpo di calore cioè è affannato, accaldato, respiro ansimante e tachicardia cercate di soccorrerlo bagnandogli con acqua fresca (non ghiacciata) le zampe, il ventre, le ascelle o la testa poi portatelo in luogo fresco possibilmente con leggera aria condizionata e successivamente portatelo immediatamente dal veterinario.
5 Controllate se non abbia ferite, se sono lievi potete pulire bene e lavarle con acqua tiepida e disinfettare con “betadine” poi mettere una pomata che aiuta la cicatrizzazione e la guarigione (tipo “gentalin” e/o “iruxol” pomate) portatelo comunque dal veterinario per verificare l'entità del problema nel caso ci volesse anche una terapia antibiotica di sostegno.
6 Qualora un cane mostri aggressività potrebbe essere data da paura e quindi cercate di contattare qualcuno di più competente eventualmente un istruttore cinofilo in grado di potervi aiutare al fine di non esporvi a rischi.
7 Ricordatevi sempre che un cane abbandonato è un cane che ha perso il suo Punto di Riferimento cioè i suoi proprietari per cui si sentirà spaesato, confuso, indifeso, impaurito, cercate di non chiuderlo mai in un angolo, se potete somministrategli un buon pasto (qualora riesca a mangiare … a volte i cani possono non mangiare per i primi giorni perché sono stressati) dategli un luogo preciso dove stare con una copertina di riferimento e abbiate molta pazienza. Se il cane dovesse continuare a non mangiare rivolgetevi ad un veterinario.
8 Cercate sempre di essere gentili non serve coercizione, non servono strattonate, non servono collari a strozzo, questi cani hanno già subito lo shock dell'abbandono armatevi di MOLTA pazienza e buona volontà molti cani sono in grado di capire la buona fede ma hanno perso la fiducia nell'essere umano e quindi hanno necessità di riconquistarla.

10 regole per una convivenza felice
Quasi 45 milioni di animali vivono nelle case degli italiani, Di fronte a questi numeri l'Ente nazionale protezione animali ha stilato alcune regole per una miglior convivenza uomo-animale:
1 - Ricordare che gli animali hanno diritti, di vivere, di essere difesi, di essere curati.
2 - Le leggi di tutela devono essere ampliate e applicate.
3 - L'habitat degli animali va tutelato.
4 - Tenere conto anche della presenza e delle esigenze degli animali nell'organizzazione degli spazi urbani.
5 - Il rapporto persona/animale deve essere conosciuto e trasmesso a livello educativo.
6 - Gli animali hanno il diritto di non subire limitazioni vessatorie nella vita quotidiana.
7 - L'utilizzazione degli animali va drasticamente rivista in ogni campo. Dalla sperimentazione al lavoro all'uso alimentare.
8 - Va ribadita con forza la responsabilità nella custodia e cura degli animali affidati per legge alle istituzioni locali.
9 - Va posta fine alla ingiustificabile attività venatoria e alla predazione ittica.
10 - Nessun animale può essere soppresso alla fine della propria vita lavorativa.
Fuori legge i collari antiabbaio
Finalmente la Cassazione ha stabilito definitivamente che l'utilizzo del collare antiabbaio per i cani costituisce una forma di maltrattamento degli animali punibile legalmente.
Tra le motivazioni della recente sentenza compare l'aggressività che questo metodo coercitivo scatenerebbe nell'animale: il collare antiabbaio, infatti, può essere considerato “un congegno che causa al cane un'inutile e sadica sofferenza, rendendolo aggressivo nei confronti di chiunque”.
I giudici della Cassazione hanno anche posto l'accento sul fatto che le moderne tecniche di addestramento permettono tranquillamente di risolvere il problema senza dover utilizzare metodi violenti e stressanti per il cane.
Stop pellicce di cane e di gatto
Il parlamento ha finalmente approvato il regolamento che vieta la commercializzazione, l'importazione e l'esportazione di pellicce di cani e gatti e di prodotti che le contengono. Il regolamento sarà d'applicazione a partire dal 31 dicembre 2008 per questa data gli stati membri dovranno informare la Commissione dei metodi analitici che utilizzano per identificare la specie d'origine delle pellicce, notificare le norme adottate in materia di sanzioni applicabili in caso di violazione del regolamento e prendere i provvedimenti necessari per la loro applicazioni.
La Commissione dovrà presentare una relazione sull'attuazione del regolamento che dovrà essere resa accessibile al pubblico, entro due anni dalla sua applicazione.

Elenco dei cani considerati "pericolosi"
Ecco i 17 cani considerati "pericolosi" per i quali è indispensabile guinzaglio e museruola: Rottweiller, Pitbull, Pitbull mastiff, Terrier, Bulldog Cane da pastore di Charplanina, Cane da pastore dell'Anatolia, dell'Asia centrale, del Caucaso, cane da Serra da Estreilla, Dogo argentinom Fila brasileiro, Perro da canapo majoero, Perro da presa canario, Perro da presa Mallorquin, Rafeiro do alentejo, Tosa inu.
L'ordinanza del Ministero della salute.
E' obbligatoria la museruola o il guinzaglio in strada o in altro luogo aperto al pubblico. Museruola e guinzaglio insieme sui mezzi pubblici. Per i cani considerati "pericolosi" sarà invece obbligatoria sia la museruola che il guinzaglio ad ogni passeggiata.
L'ordinanza ribadisce il divieto al taglio della coda, delle orecchie e delle corde vocali, oltre ad ogni altro intervento chirurgico non finalizzato a scopi curativi, sono stati inoltre messi al bando i collari elettrici considerati una "vera tortura".
Ogni due minuti un cane viene abbandonato
In Italia ogni anno sono più di 100 mila gli animali abbandonati sulle strade delle vacanze. Sono morte più di 200 persone negli ultimi 10 anni a causa di incidenti stradali causati dai randagi.
Cosa fare se fido ha una zecca
Prima cosa: non togliamo noi la zecca ma portiamo il nostro amico dal veterinario dato che il parassita è potenzialmente pericoloso anche per l'uomo e quindi non è prudente nè igienico toccarlo. La zecca nella parte anteriore del corpo ha un apparato talmente potente che le permette di rimanere saldamente ancorata alla sua vittina, ecco perchè non è facile estrarla tutta e rischiamo di rendere più difficile il lavoro del veterinario. Evitiamo anche i rimedi antichi causa spesso di guai seri: NO OLIO, BENZINA O ALCOOL.
Cosa dice la legge per chi maltratta gli animali
La legge 189 del 20 luglio 2004 recita "Chiunque, per crudelta o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da tre mesi a diciotto mesi. Chiunque, per crudeltà e senza necessità, cagiona una lesione ad un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a comportamenti o a fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche è punito con la reclusione da tre mesi ad un anno o con una multa da 3.000 a 15.000 euro".