**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

24.11.2014

Per regolare gli speroni

Buongiorno dottor Minetti la nostra cagnolina di circa due anni ha spesso bisogno di regolare gli speroni, che altrimenti si richiudono su loro stessi. Cosa consiglia riguardo l'intervento per eliminarli ? abbiamo sentito pareri controversi e siamo molto indecisi. Firmato Pierluigi
A questa domanda risponde il nostro veterinario di fiducia, il dottor Emanuele Minetti.
"Buongiorno Pierluigi, se si abitua da piccolo il cane le unghie si possono accorciare facilmente anche a casa acquistando l'apposito strumento.
Per capire come si fa il suo medico veterinario potrà insegnarle in pochi secondi, basta evitare di farlo raramente e tagliare la "puntina bianca" con regolarità, evitando che cresca troppo e poi che si arriccioli su se stessa o peggio perfori la pelle creando infezioni e dolore anche imponenti.
Ciò ovviamente vale per tutte le unghie e non solo per i cosidetti speroni.
Invece la chirurgia, se il problema è solo quello, mi appare una soluzione drastica e sproporzionata alla questione, anche perchè si tratta di una vera amputazione di un dito in anestesia generale.
Quindi i casi in cui essa è necessaria sono ben conosciuti e limitati, sempre che non se ne voglia fare una questione estetica, che non prendo qui nemmeno in considerazione.
Non avendo mai visto il cane però mi fermo a queste supposizioni, non certo vincolanti od ultimative: ne parli quindi con il suo veterinario curante senza farsi alcun problema. Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
Viale Moneteceneri 64 Milano
www.biessea.com

21.11.2014

Approccio cognitivo relazionale

Oggi parliamo di un richiamo speciale con il nostro amico a 4 zampe e anche di come metterlo in atto a livello educativo. Da diversi anni infatti il mondo cinofilo si è evoluto ed i metodi sono cambiati. Sentiamo cos'ha da dirci in merito Daniela Lisi la nostra educatrice cinofila: "Buongiorno Loredana, oggi vi spiegherò la differenza tra insegnare ad un cane a tornare al richiamo e avere un cane motivato a tornare al vostro richiamo. Se ci pensate bene le due cose sono nettamente diverse.
Per insegnare ad un cane a tornare al richiamo basta prendere dei bocconcini ed usarli nel modo corretto. La maggior parte dei cani per il cibo farebbe di tutto, per cui il risultato è praticamente garantito.
Ma provate a richiamare il cane quando non avete del cibo. Certo, la prima volta tornerà da voi super contento e senza neanche guardarvi il viso, fisserà le vostre mani in attesa del tanto gustoso premio.. che però ahimé , questa volta non arriverà… lo avete dimenticato.... Allora riprovate a chiamarlo... questa volta lui vi guarderà e penserà: che torno a fare? Tanto non si mangia.. continuo a fare qualcosa di più interessante.
Ecco, questo è quello che vuol dire insegnare ad un cane a tornare.
Far si che il cane sia motivato a tornare da voi, non per il cibo, tira in ballo innumerevoli possibilità di lavorare su questo aspetto. Parliamo di relazione, rapporti emozionali, pacchetti esperenziali, empatia e quant'altro. Parliamo di approccio cognitivo relazionale.
Cos'è l'approccio cognitivo relazionale? È qualcosa di molto profondo che porta il cane ad avere finalmente un ruolo sociale all'interno del nucleo famigliare ma soprattutto, ci permette di creare una relazione con il nostro cane, qualcosa di unico e profondo.
Se andate su internet e scrivete l'esatta dicitura potrete approfondire, forse con stupore, quanto appena detto.
Mi piacerebbe molto sapere come la pensate ma soprattutto, se voi con il vostro cane credete di avere un rapporto basato sull'approccio cognitivo relazionale o meno."


20.11.2014

Stop al codice Napoleonico

La definizione del codice Napoleonico che considerava i cani come «mobilio» ha resistito due secoli ma alla fine ha ceduto ed è stata riformata dal Parlamento francese. Adesso gli animali domestici non verranno più considerati parte di un'abitazione, al pari di una libreria o un armadio, ma «esseri viventi dotati di sensibilità».
Una modifica che arriva dopo una battaglia durata più di due anni, portata avanti da alcuni intellettuali francesi e da parte di un gruppo animalista, la Fondazione 30 Millions d'Amis.
«Il codice civile era stato redatto nel 1804. Allora, la Francia era un paese per lo più agricolo, in cui gli animali erano visti da un punto di vista utilitaristico una visione ormai considerata obsoleta.
In Francia esiste una norma che punisce dal punto di vista penale i maltrattamenti o la crudeltà contro gli animali, con pene che arrivano fino ai due anni di carcere o ai 30mila euro di multa
Un altro ambito di applicazione della legge potrebbe essere quello delle cause di divorzio, dove fattori quali il benessere degli animali potranno essere presi in considerazione al momento dell'attribuzione del quattro zampe a Madame oppure a Monsieur.

19.11.2014

Single e quattrozampe

Questo è lo stralcio di un articolo interessante apparso su Tiscali.it firmato dalla psicologa Elisabetta Rodriquenz che parla del rapporto fra i single e gli amici a quattrozampe.
Secondo la Rodriquenz la molla che porta all'adozione di un animale non è solo una rottura sentimentale, ma spesso è la condizione di singletudine che invoglia a cercare una compagnia che non sia umana. Sono tantissimi infatti i single che decidono di prendere con sé un animale. Possedere un animale normalmente crea una condizione in cui ci si sente responsabili e si è portati ad occuparsi di un altro essere vivente: si sente di avere un altro scopo oltre se stessi e di avere qualcuno con cui scambiare coccole e tenerezze.
Non si pensa solo per uno, ma per due o più in base a quanti animali si posseggono. In sostanza, si è portati ad evadere da una visione incentrata su se stessi per dedicarsi ad altro.
Questo atteggiamento è positivo a patto che non si perdano di vista la realtà e la necessità di comunicare e di socializzare.
Per queste persone la gioia di tornare a casa ed essere investite dalle feste di un cane o essere accolte dalle fusa di un gatto colma tante mancanze o delusioni sentimentali.
È importante non dimenticare che il senso di solitudine che accompagna alcuni single, fa parte anche della vita degli animali. Se si passa gran parte della giornata fuori casa, una soluzione potrebbe essere quella di adottare più animali affinché si facciano compagnia.
Adottare un animale deve essere una scelta ben ponderata che sarà sicuramente ripagata con un grande amore incondizionato. Chi ha il tempo da dedicare ad un animale e lo spazio adeguato per tenerlo potrà dire di aver provato un nuovo tipo di amore, ma che deve lasciare spazio e fiducia nel poter trovare una relazione stabile. E chissà che il successo in questo caso sia anche merito dell'animale che ha contribuito a far recuperare serenità e fiducia in se stessi.
Quindi se siete single e avete deciso di adottare un animale www.prontofido.net
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.