**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

11.1.2011

Fido: intelligente come un bambino di 3 anni

Chi come me possiede un cane sa che il proprio amico è in grado di comprendere le parole che gli vengono rivolte. Ed ora Chaser, una femmina di border collie di sei anni ci dà finalmente ragione. Ma ecco i fatti: Il dottor John Pilley che, in collaborazione con il suo collega Alliston Reid, professore del Wofford College nel South Carolina, ha allenato la sua Chaser, con sessioni giornaliere di 4/5 ore, per più di tre anni. Il metodo adottato dai due psicologi statunitensi ha previsto la presentazione a Chaser di un oggetto alla volta e la ripetizione del nome al fine di consolidarne la memoria. Ma la femmina di border collie non si è limitata ad imparare i nomi delle cose e ha dimostrato di saperne riconoscere anche la forma e la funzione, eguagliando in questo modo le prestazioni di un bambino di tre anni. Per mettere alla prova le abilità di Chaser i due ricercatori statunitensi l'hanno sottoposta a 838 test, nel corso dei quali il cane ha dovuto ritrovare l'oggetto nominato all'interno di in un gruppo di venti cose. Nel corso della sperimentazione l'animale non ha mai totalizzato un punteggio inferiore ai diciotto oggetti riconosciuti. Inoltre le sono stati insegnati tre differenti comandi: zampa, naso (doveva solo toccare l'oggetto con la parte del corpo indicata) e porta.
I 1022 oggetti che il collie è in grado di identificare la pongono in cima alla classifica degli animali con il vocabolario più ampio. In precedenza, per quanto riguarda i cani, il primato apparteneva a Rico, un border collie allenato in Germania, che riconosceva duecento parole.
C'è ancora qualcuno che dice che i cani non sono intelligenti? È tutto

10.1.2011

Postumi di cenoni anche per loro

Postumi ipercalorici di cenoni e pranzi delle feste natalizie? Non siamo i soli, pensate che a fare le spese dei nostri bagordi sono almeno 3 milioni di animali domestici. Secondo i dati raccolti dall' Aidaa sono infatti almeno il 15% dei gatti e il 18% dei cani che vivono nelle famiglie italiane ad essere in sovrappeso, se non addirittura obesi.
Nel complesso sono circa due milioni i cani, soprattutto di razza piccola e media, e un milione i gatti quotidianamente sottoposti a stress alimentare ed obbligati a un'alimentazione non corretta che li porta ad avere problemi di sovrappeso con tutte le conseguenze sanitarie del caso.
Le feste quindi appena concluse sono state l'ennesima occasione per rimpinzare molti animali domestici di cibi che nulla hanno a che vedere con la loro corretta alimentazione. In questi giorni sono state molte le telefonate arrivate al Telefono Amico Aidaa da parte di proprietari che chiedevano numeri di veterinari aperti per poter soccorrere i loro cani e gatti colpiti da vere e proprie indigestioni da cibo. Lorenzo Croce presidente dell'AIDAA ci ricorda che l'alimentazione non corretta dei nostri animali configura di fatto un vero e proprio maltrattamento, sia esso prodotto da distrazione e ignoranza o da superficialità".
Un motivo in più per ricordarci che il nostro cane o il nostro gatto non sono un giocattolo ma esseri viventi con le loro necessità e con un'alimentazione adeguata.

7.1.2011

Labrador con fobie

Oggi rispondiamo a Eleana che ci scrive perché ha problemi con il suo labrador di 7 anni. Da sempre ha alcune fobie che ultimamente sono aumentate. Tra queste: scendere le scale, salire sulla macchina, camminare su superfici diverse etc.. etc.. Risponde Daniela Lisi, educatrice cinofila.
"Cara Eleana, il mio primo consiglio è di sicuro quello di contattare un comportamentalista. Non abbiamo parlato spesso di questa figura ma in realtà è molto importante perché aiuta a risolvere problemi ai quali l'educatore cinofilo non può porre rimedio e la fobia è assolutamente una di queste. Il fatto che il tuo cane, all'età di 7 anni, abbia ancora paura di compiere azioni all'ordine del giorno, non è decisamente normale.. e quanto ti hanno detto: ovvero che il cane è pauroso perché ha un buon carattere... non è l'interpretazione giusta. Come sempre consiglio di non fermarsi mai al primo parere dell'esperto...
Un cane normale non deve avere fobie. Può essere spaventato qualche volta ma, non fare le scale, non salire sulla macchina etc.. sono azioni che il cane non dovrebbe temere di compiere a meno che dietro a queste non ci siano dei traumi particolari.
Il tuo cane ha bisogno di acquisire un pò più di fiducia in se stesso e di fidarsi di te.. questo lo porterà a non temere di affrontare le diverse situazioni.
A questo proposito vorrei parlarvi di una nuova disciplina chiamata Mobility Dog molto praticata in Svizzera, non agonistica e non competitiva, che consiste nell' esecuzione di 15 prove ad ostacoli simili, ma non uguali, a quelli dell'agility. Le prove non richiedono particolari abilità fisiche o percorsi di addestramento che forzino la natura del cane, si tratta di un'attività studiata appositamente per permettere a qualsiasi cane - indipendentemente dall' età, dalla razza e da precedenti percorsi di addestramento - di lavorare con il proprio conduttore raffinando la comunicazione e l'equilibrio del rapporto e a far si che il cane sia più sicuro di sé.
Tornando a te Eleana se hai bisogno del nome di un buon comportamentalista scrivimi pure a prontofido@prontofido.net per avere invece maggiori informazioni sulla Mobility Dog potete andare su www.mobilitydog.it".

5.1.2011

Se Fido arriva dal canile (seconda parte)

Un cane adulto adottato dal canile ha bisogno di almeno 30 – 40 giorni di “adattamento” prima di mostrare il “vero” comportamento. Ciò significa che durante il primo mese di convivenza la famiglia dovrà prestare molta attenzione al comportamento del nuovo arrivato. Da una ricerca effettuata sottoponendo circa 200 cani adottati da differenti canili ad una visita comportamentale, è emerso che i principali comportamenti lamentati sono: le paure (fobie rivolte agli esseri umani, ai rumori, agli oggetti, agli altri cani), il comportamento di aggressione e gli attacchi di panico in assenza dei proprietari (con vocalizzi, distruzioni, minzioni e defecazioni). Secondo uno studio realizzato in Francia, il principale motivo di abbandono sono proprio i problemi comportamentali! Il proprietario può chiedere consiglio al Medico Veterinario comportamentalista che, durante la visita pre – adozione, potrà dare informazioni in relazione alla razza, alla taglia, all'età e all'introduzione del cane nella nuova famiglia.
Sabrina Giussani, Medico Veterinario che si occupa di Medicina del Comportamento.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.