**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

7.10.2010

Il mio cane è stato morso.... che fare?

Oggi qui al Magazine degli Animali diamo un'informazione sulle norme legali, così noi ne sapremo di più e i nostri amici saranno più accettati anche da chi non li possiede.
Abbiamo in collegamento la dottoressa Diana Levi Direttore Servizio Sanità Animale della ASL città di Milano.
"Oggi parliamo di cosa dobbiamo fare se noi o il nostro cane viene morsicato.
-SE IL CANE MORDE, O COMUNQUE PROCURA LESIONI A PERSONA O ANIMALE (ZUFFA), DEVE ESSERE TENUTO IN OSSERVAZIONE PER 10 GIORNI PRESSO IL CANILE SANITARIO. SU RICHIESTA DEL PROPRIETARIO IL VETERINARIO
UFFICIALE DELL'ASL, VALUTATA LA SITUAZIONE EPIDEMIOLOGICA, PUÒ CONCEDERE L'OSSERVAZIONE DOMICILIARE PURCHÉ IL PROPRIETARIO, DURANTE QUESTI 10 GIORNI, POSSA GARANTIRE UN'ACCURATA CUSTODIA DELL'ANIMALE
ED IL RISPETTO DELLE SEGUENTI CONDIZIONI: IL CANE NON DEVE ESSERE SOTTOPOSTO A TRATTAMENTI IMMUNIZZANTI (VACCINAZIONI); NON DEVE ESSERE SPOSTATO DAL LUOGO STABILITO PER L'OSSERVAZIONE; INOLTRE É NECESSARIO SEGNALARE AL VETERINARIO UFFICIALE IL MANIFESTARSI DI QUALSIASI SINTOMO ANORMALE NEL COMPORTAMENTO O NELLO STATO DI SALUTE, NONCHÉ L'EVENTUALE FUGA O MORTE DELL'ANIMALE (IN QUEST'ULTIMO CASO IL CADAVERE DOVRÀ ESSERE RITIRATO DAI SERVIZI VETERINARI PER
GLI ACCERTAMENTI PREVISTI DALLA LEGGE). NEL CASO DI ZUFFA AMBEDUE GLI ANIMALI DEVONO ESSERE TENUTI IN OSSERVAZIONI PER 10 GG.
-SE IL CANE SUBISCE UN MORSO O UNA LESIONE DA ALTRO ANIMALE RIMASTO SCONOSCIUTO, FUGGITO E/O SOSPETTO DI ESSERE AFFETTO DA RABBIA, DEVE ESSERE TENUTO IN OSSERVAZIONE PER 6 MESI DA PARTE DEL
VETERINARIO UFFICIALE; TALE PERIODO PUÒ ESSERE RIDOTTO A 3 MESI SE IL CANE VIENE SOTTOPOSTO ENTRO 5 - 7 GIORNI AD UNA VACCINAZIONE ANTIRABBICA POST-CONTAGIO, O A 2 MESI SE IL SOGGETTO, TRATTATO
COMUNQUE CON LA VACCINAZIONE POST-CONTAGIO, ERA STATO SOTTOPOSTO A VACCINAZIONE ANTIRABBICA PRE-CONTAGIO DA NON PIÙ DI UN ANNO. SE NEL FRATTEMPO VIENE RINTRACCIATO L'ANIMALE MORSICATORE, ENTRAMBI GLI ANIMALI VENGONO TENUTI IN OSSERVAZIONE PER UN PERIODO DI 10 GIORNI.
PER LE INFRAZIONI SANZIONE DI EURO 430,39 (D.P.R. 8/2/54, N. 320, REGOLAMENTO DI POLIZIA VETERINARIA ART. 87; MIN EURO 258 MAX EURO 1291).
Per approfondimenti cliccare su "Tutto sul mio cane" nel sito di Prontofido

6.10.2010

2011: l'anno del pipistrello

L'Onu ha così dichiarato: il 2011 sarà l'Anno del pipistrello, uno dei mammiferi più perseguitati del Pianeta. In realtà, come abbiamo detto più volte qui al Magazine, i pipistrelli sono innocui, non si aggrappano ai capelli e non portano malattie: sono invece grandi divoratori di insetti e quindi ogni anno grazie a questi animali l'agricoltura risparmia milioni di dollari.
Nelle foreste tropicali invece, da loro dipende la dispersione dei semi e l'impollinazione della frutta. «Paragonati ad animali come le tigri o gli elefanti - afferma Andreas Streit, segretario esecutivo di Eurobat - i pipistrelli ricevono una attenzione quasi inesistente. Invece sono mammiferi affascinanti e giocano un ruolo indispensabile nella conservazione del nostro ambiente».
Ad Austin, in Texas, il volo di milioni questi animali rappresentano una delle più spettacolari attrazioni turistiche, nel periodo che va da metà marzo fino a novembre, portando così milioni di dollari di profitti.
Ma nonostante tutto l'Unione mondiale per la conservazione della natura ha classificato a rischio oltre la metà delle specie di pipistrelli. I pericoli per la loro sopravvivenza sono la perdita e la distruzione degli habitat, il disturbo da parte degli esseri umani nei siti di ibernazione, la crescente urbanizzazione e i pesticidi che li intossicano.
Di qui la necessità di protezione, per non perdere alcuni «servizi» fondamentali, poco conosciuti ma essenziali a livello ecologico.

5.10.2010

Bulldog: una razza destinata a scomparire

Il bulldog è uno dei simboli del Regno Unito, è la dimostrazione di forza e coraggio oltre al rifiuto di arrendersi. Per tutti questi motivi era il cane di Winston Churchill al quale secondo molti somigliava anche fisicamente.
Eppure questo cane sembra destinato a scomparire. Pensate che il Kennel Club, l'associazione che riunisce gli allevatori e ne regolamenta l'attività ha approvato nuove norme: via la mascella cadente perché il bulldog del futuro dovrà avere il muso più asciutto, il naso meno pronunciato, gambe più lunghe e corpo più magro.
Tutto nasce dall'esigenza di proteggere la salute del buldog e per escludere qualunque caratteristica fisica che possa impedire all'animale di respirare, camminare e vedere liberamente.
La nuova normativa afferma anche che il Labrador deve mantenere anche in età adulta una corporatura più leggera, il naso del pechinese deve essere meno schiacciato e le gambe del bassotto devono essere un po' più lunghe.
La notizia per gli inglesi è talmente grossa che il Times di Londra l'ha messa in prima pagina con una foto enorme di un bulldog dall'aria triste e la scritta “Riposa in pace-il bulldog britannico, vittima delle leggi sull'allevamento”.

4.10.2010

Vegetariani almeno una volta alla settimana

Consumare solo prodotti vegetali almeno una volta alla settimana per poter diminuire l'inquinamento e garantire a tutti la possibilità di nutrirsi in modo adeguato, questo è l'invito rivolto dalla Lav ai rappresentanti Fao protagonisti del summit di questi giorni,
«La scelta alimentare vegetariana priva di ingredienti animali è un primo passo concreto e necessario, se si vuole davvero agire con efficacia contro la fame globale». Negli ultimi quindici anni, il numero di persone sottonutrite nel mondo è aumentato fino a superare il miliardo quest'anno. Nel 1996 l'obiettivo stabilito dalla Fao era proprio quello di dimezzare questa cifra entro il 2015.
«L'aumento dei consumi di prodotti animali richiederà anche nuove terre per produrre foraggio e far pascolare gli animali. Ciò significa meno terre coltivabili e l'aumento dei prezzi, con conseguente mancato accesso al cibo per diversi settori di popolazione».
«Dalla Fao ci si attende uno stimolo per i governi e di conseguenza per i produttori e i consumatori, a diminuire il consumo di prodotti animali e ad adottare un modello alimentare sostenibile, che rappresenti un esempio per le nazioni emergenti. L'organismo delle Nazioni Unite sembra invece limitarsi ad aggirare il problema senza alcuna proposta concreta, mentre aumentano il numero di persone sottonutrite, i danni all'ambiente e lo sfruttamento degli animali».
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.