**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

7.9.2010

I bastardini? piu' intelligenti

E' uno studio molto interessante svolto dell'etologo Kenth Svartberg su 13.000 esemplari dall'Università di Stoccolma e riferita dal giornale Telegrph, e questo è il risultato: i cani di razza sono meno intelligenti dei bastardini.
Adottare quindi un cane con il pedigree non significa automaticamente avere un amico a 4 zampe intelligente proprio per il fatto che vengono ormai allevati soprattutto per scopi che si potrebbero definire “estetici.
L'autore dello studio ha concluso che “Le moderne pratiche d'allevamento influenzano il comportamento e le capacità mentali delle razze con pedigree e non solo l'aspetto fisico.”
Fino a non molto tempo fa i cani venivano selezionati per altre caratteristiche quali: l'intelligenza o il fiuto, oggi spesso lo scopo è creare una specie di accessorio come i chihuahua “da borsetta” alla Paris Hilton e Brithney Spears.
Conclusione dello studio di Svartberg: i geni responsabili della bellezza nei canidi spesso si associano alla personalità noiosa e introspettiva.

6.9.2010

Cuccioli di foca

La Corte di Giustizia dell'Unione Europea ha sospeso temporaneamente con ordinanza del 19 agosto, il divieto europeo sul commercio di prodotti derivati dalla caccia commerciale alle foche; la decisione della Corte è conseguente alla istanza presentata da organizzazioni di popolazioni indigene del Canada e della Groenlandia insieme ad altre sigle collegate all'industria della pellicceria. La sospensione resterà vigente solo se sarà definitivamente accolta.
La motivazione dell'accoglimento di questa richiesta di sospensione è dovuta al fatto che i giudici dovranno valutare le argomentazioni dei ricorrenti anche alla luce delle recenti disposizioni della Commissione Europea circa le modalità di applicazione del bando.

Chi pratica la caccia alle foche ha sempre cercato di giustificarla all'opinione pubblica mondiale come attività tradizionale condotta a fini di sussistenza, un'attività che è stata una parte della cultura Inuit per migliaia di anni.
Come sappiamo le vittime di questa pratica sono prevalentemente cuccioli, sia perché ancora incapaci di nuotare e quindi di sottrarsi dai colpi inferti dai loro aguzzini, sia perché ricoperti di un manto “commercialmente” interessante. Il 97% delle foche uccise negli ultimi anni, hanno meno di 3 mesi di vita.
Speriamo ardentemente che questa sospensione non abbia seguito. Vi terremo informati e per ora è tutto

3.9.2010

Il collare DAP

Nei giorni scorsi abbiamo parlato del collare DAP e molti ascoltatori ci hanno scritto chiedendoci qualche informazione in più su questo prodotto.

A darci maggiori in formazioni Daniela Lisi, la nostra educatrice cinofila:
Il DAP in pratica è un diffusore di feromoni appaganti. Vi spiego meglio: nel momento in cui una cagna rimane incinta secerne nel corso dell'allattamento dei feromoni che hanno lo scopo di rassicurare la cucciolata. Le proprietà rassicuranti dei feromoni persistono anche nell'età adulta rassicurando il cane per lungo tempo.
Di conseguenza l'utilizzo del DAP aiuta il nostro cane in diverse situazioni. Quali? ad esempio
- in assenza del proprietario;
- in situazioni di paura;
- in ambienti nuovi;
- in caso dell'inserimento di un cucciolo in una famiglia
- in caso di rumori forti come temporali e fuochi d'artificio

Sono diversi i sintomi che vi fanno capire che il vostro cane sta subendo una situazione di stress legata a queste situazioni:

- abbaio continuo in vostra assenza
- Distruzione
- Eliminazioni inappropriate
- Leccamento eccessivo

Il DAP si può trovare sia sotto forma di collare ma anche sotto forma di diffusore per la casa. Lo potete acquistare in farmacia e nei negozi di animali specializzati.

2.9.2010

Mammiferi a rischio estinzione

Uno studio condotto da più di 1.700 esperti di 130 paesi ha delineato una situazione a dir poco “tetra”: un quarto delle specie di mammiferi esistenti, dal gorilla di montagna alla tigre, è a rischio di estinzione ed oltre la metà è già in declino, e tutto questo è in gran parte colpa dell'uomo.
E' un vero grido di allarme lanciato da Barcellona al World Conservation Congress dell'uonione mondiale per la Conservazione della Natura.
Si tratta di un lavoro molto complesso, pensate che orsi polari, ippopotami e grandi scimmie sono solamente alcune delle vittime di un declino su larga scala. In totale le specie a rischio di estinzione, a vari livelli, sono 1.141 e per i mammiferi marini la situazione è ancora peggiore: quelli in pericolo sono addirittura il 36%.
Il responsabile di questa situazione è indubbiamente l'uomo, dato che solo il 26% della specie ha avuto problemi di salute.
Secondo gli autori dello studio questa lista tenderà ad allungarsi. Ma una buona notizia c'è: il 5% delle specie a rischio si sta riprendendo e fra questi c'è il bisonte europeo che sta ripopolando alcuni parchi naturali. Tanti auguri.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.