**

Lettera aperta

La presente per chiederVi come si procede in un caso del genere.Ieri mi sono imbattuto in un animale ferito gravemente in mezzo alla strada (qualcuno lo aveva investito e abbandonato).Non mi sono fidatato ovviamente a toccarlo o rimuoverlo e ho chiamato subito il mio veterinario che mi ha risposto " non è compito mio, occorre chiamare i vigili urbani ". La conclusione è che l'animale non è stato soccorso in tempo ed è morto.Esiste veramente questa regola assurda? Un veterinario non può interevnire in un caso del genere ma soltanto i vigili oppure il mio veterinario non ha preso a cuore il problema? (ammesso che il mio veterinario poteva almeno fare il gesto di attivare i vigili)Attendo un riscontro.Grazie.

Commenti alla notizia

Scritto da alice il 30.6.2010 alle 10:40:40

ciao! credo sia normale che nn tocchi al veterinario prendersi questa responsabilità, certo almeno la polizia locale te la poteva chiamare lui..
il mio veterinario ama gli animali, ma anche lui consiglia sempre di avvertire le forze dell ordine che poi chiamano loro chi di dovere.

Scritto da ROCCHI CHIARA il 13.12.2007 alle 14:58:18

Io ho 12 gatti e un veterinario adorabile pronto a correre in ogni ora del giorno e della notte per assistere le gioie della mia vita. Un veterinario è pur sempre un medico e credo abbia anche il dovere morale di assistere ogni animale in difficoltà anche se non è un suo paziente. I miei gatti ormai al veterinario fanno persino le fusa perchè avvertono il suo affetto. Il mio consiglio è pertanto quello di cambiare veterinario e di cercarne uno che non lo faccia solo per lavoro!!


Inserisci il tuo commento

Nome e Cognome*:
Email (non sarà pubblicata)*:
Commento*:
Numero dei caratteri ancora disponibili:


Codice di controllo*: Scrivi la cifra che leggi nell'immagine qui sopra

* Campi obbligatori

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog.
Non sono consentiti: messaggi non inerenti al post , messaggi privi di indirizzo email , messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome) , messaggi pubblicitari , messaggi con linguaggio offensivo , messaggi che contengono turpiloquio , messaggi con contenuto razzista o sessista , messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.
La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003):
Per poter postare un commento, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome che vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, mentre l'indirizzo e-mail non verrà pubblicato. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all' art. 7 del D.Lgs. 196/2003.